top of page
Post: Blog2_Post

Spoiler alert! In questo post si parla di Ciocia

Perché il fatto che un’insegnante della scuola dell’infanzia abbia una vita sessuale vi fa così paura?

A Torino, una ragazza ha lasciato il fidanzato, quest’ultimo ha pensato bene di vendicarsi della scelta della ex pubblicando un video di quando facevano sesso.


La direttrice della scuola, dove lavora la ragazza, la sospende dall’insegnamento, alcuni genitori plaudono a questa scelta. Fermi tutti, mani in alto. Innanzitutto quello ad aver commesso un reato è lui, si chiama “revenge porn”, ed è una sorta di vigliaccheria demmerda, oltre ad essere sempre un illecito. Che per dirla alla Tenco, “sei uno che prima implora un po' d'amore. E poi non appena l'ha avuto. Lo va a raccontare.” Lo vai a raccontare pubblicando immagini di sesso, con il preciso scopo di umiliare, denigrare, beffeggiare, mostrare le nudità in un momento come quello, della tua ex compagna. Quindi già fai parecchio schifo di tuo insomma. Ma veniamo a noi. Questa ragazza è stata sospesa dal suo lavoro, a seguito della vicenda, perché è una maestra della scuola dell’infanzia. Ah si perché? Non lo sapevate? Scopano pure loro. Si sì, come le ferrotramviere, le edicolanti, le ingegnere, le avvocate e pure le pasticcere! Perché una donna libera, con una professione, giovane, ma pure anziana, che ne so, dovrebbe vergognarsi di fare sesso? Di provarne piacere, di essere a proprio agio con il suo corpo? E le donne libere, emancipate, con una vita sessuale attiva e felice hanno molte più probabilità di insegnare ai nostri figli ad essere in armonia con il proprio corpo, ad accettare la sessualità come quella parte di sviluppo della personalità e della propria vita, al di là del genere. Chissà se qualcuno ha pensato di denunciare lui.






658 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ciocia

Comments


bottom of page